Frittura di paranza

La frittura di pesce prende anche il nome di frittura di paranza che deriva dalla tipologia di pesca fatta con barche che praticano la pesca a strascico, ovvero trascinando le reti dal fondo: queste tipiche imbarcazioni si chiamano appunto paranze.

Questo tipo di pesca è molto diffuso in Pugliadove, come si può immaginare, una buona frittura di paranza non manca mai in casa come nei ristoranti che con il pesce fresco preparano la maggioranza dei piatti tipici pugliesi come la zuppa di pesce e altre gustose ricette.

Il pesce misto da frittura si trova già preparato nei banchi dei mercati del pesce e in Puglia comprende diverse varietà di pesce fresco di pesca locale, povero e di piccolo taglio.

Nella frittura di mare pugliese non devono mai mancare pesci come triglie (piccole), molluschicome seppioline, calamari tagliati ad anelli e totani, e crostacei come gamberetti.

INGREDIENTI PER LA RICETTA

1 kg di pesce misto (di paranza)

200 gr di farina

olio extravergine di oliva o olio di arachidi q.b. (circa 2 litri)

sale q.b.

limone a spicchi

PREPARAZIONE FRITTURA DI PESCE

Pulire i pesci rimuovendo le squame e le interiora se non è stato già fatto dal pescivendolo; per i pesci piccoli (triglie) si consiglia di lasciare la testa; lavarli in abbondante acqua corrente e asciugarli accuratamente.

Preparare la farina in un piatto ampio e infarinareripetutamente i pesci uno alla volta, dal più grande al più piccolo, facendo attenzione a non romperli; intanto versare l’olio in un tegame per friggere ampio e alto, per immergere il pesce completamente senza doverlo girare rischiando di romperlo: portare l’olio quasi ad ebollizione; controllare la temperatura immergendo una parte di un pesce qualsiasi e verificando se inizia a friggere.

Immergere i pesci uno alla volta nell’olio bollente e friggere per un paio di minuti circa: il tempo dipende dalla grandezza di ogni pesce; una volta fritti, porre i pesci, ben dorati e croccanti, ad asciugare su carta assorbente da cambiare due o tre volte.

Salare e servire la frittura in tavola accompagnata da spicchi di limone che possono essere premuti e utilizzati come condimento se gradito.

Si consiglia di consumare la frittura ancora caldissima per gustarne al meglio la croccantezza.

Fonte:Puglia.com https://www.puglia.com/frittura-paranza/

Potrebbe interessarti anche
Storia e ricetta de “Lu pecureddhu”

"Lu Pecureddhu" è un tradizionale dolce salentino a base di ...

Puccia alle olive salentina, “Uliata”. Ricetta.

La Puccia alle olive salentina detta anche Uliata è un ...

Peperonata salentina

Ciao amici di Orgoglio Salentino. Siamo pronti con una nuova ...

La torta della nonna

Ciao a tutti amici cari di Orgoglio Salentino. Torniamo a ...

Frittelle di fiori di zucca

I fiori di zucca fritti con la pastella sono tipici ...

Polpette di melanzane

Facili da preparare e variante vegetariana delle classiche polpette di ...

Orecchiette con cime di rapa, pomodori secchi e olive

Le orecchiette con le cime di rapa sono un piatto ...

Pezzetti di cavallo

Nel nostro ricettario dei piatti tipici salentini non potevano certo ...

Dalla Grecia al Salento: l’insalata grika

Quando parliamo della Grika, e del Griko in generale, ci ...

Lascia un commento